cover_MAURIZIO PIROVANO-IL TEMPO PERDUTO

Dall’8 gennaio in radio il nuovo singolo di Maurizio Pirovano, secondo estratto dall’omonimo album “Il tempo perduto”, dopo il successo riscosso da “Lasciati andare”, rimasto per più di venti settimane fra i primi cinquanta singoli più trasmessi in radio. A soli pochi mesi dall’uscita l’album continua a collezionare riconoscimenti prestigiosi: è stato presentato in anteprima live al Pistoia Blues Festival in apertura del concerto di Little Steven (chitarrista di Bruce Springsten), ha poi ricevuto il premio Lunezia (dalla proloco di Carrara), il premio Lucio Battisti – Emozioni Live conferitogli al Casinò di Sanremo lo scorso dicembre e il premio Ora Musica – Vuemme come “Miglior Album Rock 2017”.

“Il tempo perduto” è una cruda fotografia di questo preciso momento storico in cui l’Italia e il mondo stanno cambiando senza che ancora si possa comprendere in quale direzione. Un periodo storico in cui un osannato progresso, sorretto dalle regole di mercato, rimette in discussione diritti e certezze conquistate in un secolo di lotte civili. Il brano non vuol dare risposte, semplicemente denunciare uno stato di cose, un cambiamento in cui ci si sente in bilico fra il rimpianto per quello che è stato e le tante trappole di un futuro “Liquido”, senza regole e senza sicurezze, con il rischio di abituarsi a vivere una vita precaria, senza aspettative per il futuro e con il costante rimpianto del passato (“dove sono i tuoi eroi del tempo perduto?”). Un presente in cui ci si dimentica che il vero senso del progresso è tale quando tocca realmente l’intero genere umano e non pochi eletti a discapito di tanti; in cui tutto diventa precario e relativo, lavoro, affetti, amore e niente sembra più impenetrabile da questo “tutto” che sa sempre più di niente.

La produzione del nuovo singolo è stata affidata (come quella di tutto il disco) ad Alex Marton, che ha saputo miscelare al meglio sonorità d’oltre oceano col cantautorato di Pirovano. “Il tempo perduto” rimane fra i pezzi più rock dell’intero disco: arrangiamenti fatti di chitarre taglienti e una sezione ritmica incalzante innescano un crescendo che sposa al meglio i riferimenti ai poeti d’inizio Novecento (Marinetti su tutti) lasciando l’ascoltatore in bilico fra Decadentismo ed una sensazione di amaro in bocca.

#PoVeRiNo è il nuovo singolo del noto dj torinese Gino Latino

Posted: 12th gennaio 2018 by allmusicnews in MUSICA

copertina Gino Latino

#PoVeRiNo è il nuovo singolo del noto dj torinese, Gino Latino che questa volta ha scelto, per cavalcare i suoi groove una voce rap, quella di D.A.D. all’anagrafe Andrea Daddetta, 23enne rapper milanese.Un mix tra funky e hip hop, PoVeRiNo, è un brano dalla sonorità attualissima e radiofonica, che ti costringe a ballare.

Gino Latino dj e produttore, vanta collaborazioni con gran parte del panorama artistico italiano, ha aperto tantissimi live tra i più rappresentativi George Benson, Al Jarrau, Gino Vannelli e Luca Carboni a cui deve i suoi ultimi successi, con il quale è stato in tour per tutto il 2016 come DjSet OpeningAct80’s del PopUp Tour ed ha realizzato per lui il remix Happy.Gino Latino, attivissimo centrocampista della Nazionale Italiana Cantanti è attualmente in tour nei club italiani ed esteri con il suo spettacolo 80’s The Party.

Dichiarazione dell’artista :

“Tutto nasce da una base che avevo in un cassetto e dall’incontro con D.A.D., nipote di uno sconosciuto che mi ha tamponato la macchina al semaforo in un giorno di primavera.
É il caso che lo ha voluto. Oppure il destino. Nasce così la canzone, PoVeRiNo. Un modo per sfottere i clichè di chi vuole mostrarsi ricco ma anche la possibilità di ridere dei nostri fallimenti PoVeRiNo è chi insegue lo stereotipo della ricchezza pensando sia sinonimo di felicità. Secondo noi i veri valori invece si trovano nelle piccole cose della quotidianità. Alla fine la vera ricchezza come sappiamo non è materiale, e il maggiordomo protagonista del nostro video ce lo dimostra.”

 

cover Eugenio Picchiani

Dopo “L’antidoto” (2016) con  “Liberi di Amare” e dopo il successo di “Amati”, singolo di lancio dell’album “Divenire”, arriva in radio il 15 gennaio il nuovo singolo di Eugenio Picchiani“Bella La Vita”. Una canzone che esprime la voglia di cantare la bellezza della vita, nonostante le brutture che il mondo ci propina e, insieme, la voglia di urlarla a squarciagola: “Bella la vita quando ritorno a respirare e non smetto di sognare”; un brano che propone scene di vita quotidiana, attraverso  la metafora che risiede in ogni strofa.  Ci sarà sempre qualcosa per cui vale la pena vivere, in questo divenire che ci coinvolge, un messaggio importante quello che l’autore lancia al pubblico: l’importanza di comprendere  che quello che ci tiene stretti alla vita può cambiare, ma ciò nonostante alcuni valori permangono, dentro di noi, anche se al di fuori non siamo gli stessi di sempre. “Ad ognuno la sua storia, per ognuno  la sua memoria”, in un brano in cui risalta fin da subito un riff di chitarra elettrica di chiara ascendenza british, di Sergio Lepidio, che percorre e si amplifica in tutto l’arrangiamento.

Biografia

Eugenio Picchiani è un cantautore appassionato alla musica. Muove i suoi primi passi giovanissimo con maestri del calibro di Bruno Zambrini alla RCA italiana, oggi BMG Ariola, studia canto moderno e lirico, partecipa a diversi concorsi e manifestazioni televisive.
In tutto il suo percorso artistico Eugenio non smette mai di sperimentare: dopo varie esperienze in ambito musicale, la sua vera storia professionale ha inizio salendo su un treno direzione Londra, ma già alla prima tappa,  Monaco di Baviera, trova l’occasione di far ascoltare i suoi brani. Dopo uno showcase, arriva il primo  contratto discografico  con uno degli studi di registrazione piu importanti in Europa, il Paradise Studio’s, dove viene prodotto il suo primo album “Angeli”, seguito da “A Ruota Libera”;  nel 2007 è la volta di “Tanti Io”, poi “ L’antidoto” nel 2016 ed il nuovo album pubblicato a novembre 2017, “Divenire”:  13 tracce musicali di  brani inediti in cui si sposano ritmo, melodia e poesia;  da “Amati” dove il sound “imperversa” a “Bella la vita” o ancora “Promesse”, dove solo  voce e piano esprimono l’originalità della melodia. Un nuovo progetto discografico, quest’ultimo, in cui Eugenio si è avvalso della preziosa collaborazione di Sergio Lepidio chitarrista e arrangiatore di  tutto il nuovo album eccetto di “Amici invisibili”  di Davide Aru chitarre e arrangiamenti, Stefano Zavattoni  piano e arrangiamento archi, Andrea Rosatelli basso, Luca Trolli, Daniele Natrella batteria, “Promesse” piano ed arrangiamento Stefano Zavattoni.

Numerosi i riconoscimenti  conseguiti nella sua carriera artistica: Vincitore Europa song’s in rappresentanza di 17 Paesi Europe Bruxelles, finalista di Castrocaro, Eugenio partecipa al premio Rino Gaetano e a diverse trasmissioni televisive, RoxyBar di Red Ronnie,  Mezzanotte e dintorni, I Fuoriclasse con Carlo Conti. Partecipa anche, aprendo una parentesi artistica straordinaria, al Musical “Divina Commedia”. Ha ricevuto il “Premio della Critica” all’ultima edizione del Cantagiro con il brano “Quando io ho te ”, contenuto nel suo ultimo album “Divenire”, dopo il “Premio Migliore Interpretazione” l’anno precedente (2016) con il brano “Liberi di Amare”.

cover-Serra-720x720

Dal 12 Gennaio il nuovo singolo e il video con già 900.000 views, (dedicato alla sua città Agropoli), dall’album “Ognuno qua” Special Edition del cantautore Francesco Serra.

Videoclip: http://bit.ly/2lVLb2l

Da Venerdi 12 gennaio, on air in tutte le radio “Ognuno qua” il nuovo singolo estratto dall’album omonimo del cantautore webstar, Francesco Serra.

L’artista dall’inconfondibile timbro caldo, graffiante e coinvolgente torna al grande pubblico con la versione Special Edition del suo album d’inediti “Ognuno qua”,in streaming e digital download (Tunecore).Alcuni brani dell’album di Francesco sono firmati anche da Andrea Gallo, autore del nuovo singolo di Mina e Celentano , Eva.

Francesco Serra, cantautore pop-rock, campano di Agropoli (Sa) nel Cilento, scoperto dal noto produttore discografico Luca Venturi, continua a far parlare di sé per gli ottimi risultati che ha ottenuto nel web, che lo ha consacrato nuova Webstar italiana. Numeri impensabili anche per alcuni big della musica italiana, infatti, è riuscito ad entrare più volte nelle classifiche degli artisti più cliccati , oltre 5.000.000 di views e like per i suoi video clip, su Youtube e su facebook, selezionato per le storie di successo di facebook con oltre 120.000 fan da tutto il mondo, invitato più volte agli Youtube Community Events Italia, nonostante Francesco non sia un artista dei talent show.

Ognuno qua”, parla della vita, dei sogni, dei ricordi, di quello che facciamo, di tenere duro, della voglia di divertirsi, di seguire il nostro cuore anche quando siamo incompresi, di miti, di paure, di musica, delle cose nuove da scoprire e da imparare, di riprenderci “dai giorni no” per ripartire vivendo ancora il mondo ma senza mai dimenticare le nostre radici.

Francesco ha voluto girare il videoclip di “Ognuno qua”, diretto da Marco D’Andragora, proprio dove sono nati i suoi sogni e cioè nella sua bellissima città di Agropoli, in quei luoghi in cui ha iniziato a suonare ,a cantare, e a scrivere le sue canzoni e dove ritorna sempre quando non e’ in giro per i suoi live o registrazioni, per ricaricarsi e per ritrovare quelle energie positive che la sua terra, il Cilento gli ha sempre dato.

 

Francesco Serra Ognuno Qua  Special Edition

  1. Sei quella giusta
  2. Ognuno qua
  3. Se vorrai stare con me
  4. Senza di te adesso
  5. Questo sconfinato immenso azzurro
  6. Corto Circuito
  7. Questo pensiero d’ amore
  8. Questo pensiero d’ amore feat. Livingospel (Chrstmas Version)
  9. Il mio sole sei te