50414410_374965673281107_8244577319700660224_n

Giulio Tonioni cantante e musicista, ha sempre vissuto a Fucecchio, vicino Firenze ed è sempre stato uno di quei ragazzi perennemente in cerca di qualcosa di nuovo e diverso. L’unica aspirazione che ha resistito nella sua vita è proprio la musica. Il suo primo approccio allo spartito c’è stato alle scuole Medie, dove studia per suonare flauto. In quegli anni ha iniziato un corso di chitarra classica legato all’ambiente scolastico. Si rende presto conto che quell’ambito gli piaceva, cosi decise di prendere lezioni private, sbalzando qua e là fra chitarra acustica ed elettrica, fra vari insegnanti; quest’ultima diventò preponderante molto presto, anche se in realtà ha affiancato dei periodi di lezioni private di batteria ed altri strumenti. Una decina di anni dopo, superata da poco la maggiore età, annoiato da quei corsi ormai presenti nella sua vita da anni, decide di smettere tutto; durò poco. Quasi come una chiamata: a sbloccarlo è una canzone, “All of me” di John Legend, gli piaceva cosi tanto che si trova a cantarla tutto il giorno per molto tempo. Comincia allora a convincersi di prendere lezioni di canto. Trova e segue un gruppo di artisti ed insegnanti che lo indirizzano al suo primo percorso canoro. In questo periodo si interessa anche al cantautorato ed è molto attratto dal dover scrivere e produrre qualcosa di suo. Poco dopo scrive LET ME BE, un lungo lavoro, il suo primo brano in inglese. Il Maestro e reggente di questo gruppo di artisti, il quale può vantare partecipazioni in testi di artisti famosi, anni fa autore di Sanremo, tiene un Festival a San Benedetto del Tronto, il “Festival degli autori”, nel quale gareggiano artisti con brani editi e artisti con brani inediti; Giulio partecipa a quest’ultima categoria e nonostante fosse una delle sue prime esibizioni viene premiato col 1° premio! Negli anni ha affiancato vari concorsi ed esperienze. Una delle più grandi competizioni a cui partecipata è “Expectations of the world”, un iniziativa che porta ragazzi di diverse nazionalità fino in Russia; si gareggia per il proprio paese e lo si rappresenta. Riesce ad arrivare fino alla finale nazionale. Registra “LET ME BE” in uno studio Fiorentino, da una persona molto professionale, direttore d’orchestra, musicista e grande arrangiatore. Questa fu la sua prima esperienza in studio, il suo primo microfono a condensatore, le sue prime “take”. Nuovamente dopo 2 anni e mezzo di lezioni di canto, vuole smettere e lo fa di nuovo finché non c’è una nuova chiamata: effettua un provino da un vocal-coach ed è accettato con grande gioia ai suoi corsi. Durante gli anni è sempre stato portato avanti nel fare da fatti quasi casuali, vive queste esperienze in maniera piena, con passione, ma quasi impaurito nel fare. In questo periodo assume una trasformazione mentale, di intraprendenza verso se stesso, di autostima. Inizia ad approfondire la scrittura di brani e si getta in uno studio autodidattico del piano e di alcuni programmi di composizione musicale digitale. In questo periodo sente in maniera sempre più forte il bisogno psichico e fisico di far sentire al mondo ciò che creava e soffriva nel restare fermo nel suo non fare niente. Cosi esordisce ufficialmente con la canzone “Let me be”, dopo aver girato un videoclip per essa, il 1 Ottobre 2018. Si fa sentire, in molti rimangono stupiti dal suo lavoro. Alcuni mesi prima dell’estate 2018, incontra un discografico milanese, per il quale dopo aver fatto un provino nei suoi studi nel nord Italia, si ritrova a firmare un contratto e dover mettere in piedi insieme al suo incredibile team di professionisti un piccolo grande progetto.

La collaborazione con una realtà veramente al di fuori della sua normalità.

Decide di partecipare a questa grande avventura, che in realtà ad oggi sta ancora vivendo; cosi proponendo un suo brano, gira un videoclip ed effettua le registrazioni durante l’annata del suo inedito, ma anche di una cover natalizia, poi inserita in una compilation firmata Bobby Solo. Con queste due realizzazioni Giulio partecipa ad un concerto a finalità benefica, al quale hanno preso parte anche Bobby Solo e Marco Masini. L’11 Gennaio 2019 esce negli store digitali il suo nuovo brano inedito e suo primo in italiano, “TRASCINAMI”. Il prossimo anno sarà presentato al Festival di Sanremo nella categoria Giovani. Questo inedito è per lui una rivoluzione. Come una guerra mondiale interna, combattuto. La scintilla che sta dietro alla stesura è stato il sentimento pressante di una sorella che non ha mai conosciuto direttamente, ma attraverso familiari, foto e racconti, frammenti di ricordi e dolore. Questa è una di quelle situazioni dove si sente il bisogno di liberare certe sensazioni con carta, penna e musica. Per questo il brano è sfogo. Fin da principio ha voluto fosse semplice, scorresse leggero, che somigliasse all’idea che aveva di tutta la questione. Questo brano lo rappresenta e fissa qualcosa che non è mai stato concreto per lui. Rimane uno dei primi brani di cui è veramente contento adesso, per come sia uscito, uno dei primi del suo repertorio. Ha voluto fortemente che questa fosse la sua prima pubblicazione italiana, proprio per il valore che ha per lui.

You must be logged in to post a comment.